Connettiti con la Community

Uncategorized

Video Tutorial: Crema Corpo al CBD

Published

in

Video Tutorial Crema Corpo al CBD

Questo tutorial mostra come preparare la crema corpo al CBD (il principio attivo non psicoattivo), semplicissima e alla portata di tutti, l’occorrente per la preparazione è:

  • olio di oliva,
  • olio di canapa,
  • cera d’api estratto secco di CBD,
  •  olio 31 in questo caso, ma a piacimento si può usare l’olio essenziale che si preferisce.

Materiale necessario:

  • contenitore in vetro pentolino per bagnomaria,
  • contenitore per crema.

Buona preparazione.

Continua la Lettura
Click to comment

Devi effettuare l'accesso per poter commentare. Login

Lascia un Commento

Cannabis

Cannabis Light in Italia

Published

in

Come funziona la Cannabis Light in Italia?

Per essere definita Light o Industriale, il fiore di cannabis secco non deve superare la soglia di THC attualmente imposta dalla Legge 242/16 con limite di 0.5% THC.

In realtà, se sai già di cosa parliamo, sai bene che – al momento della scrittura di questo articolo – la cannabis light in Italia non ha un vero e proprio valore di riferimento per quanto riguarda il principio attivo psicoattivo, ovvero il THC.

C’è chi dice 0,2%, chi 0,5% e addirittura 0,59% ( <0.6 ).

Su questo argomento si sono espressi politici, la corte di cassazione, anche in sezione unite e svariati tribunali di tutta Italia.

Ma come funziona la Cannabis Light in Italia?

È davvero legale la Cannabis leggera in Italia? Si può coltivare liberamente? Di Cosa ho Bisogno?

Sono Cannabis Light o Canapa Industriale tutte le Genetiche di Cannabis Sativa L. presenti all’intero della Lista delle Sementi Certificate dalla Comunità Europea.

Queste genetiche sono pensate per la produzione di:

  • sementi da olio
  • semi da riproduzione
  • biomassa
  • tessuti e legname
  • alimenti vari

Infatti secondo quanto scritto nella 242/16, il fiore della pianta in questo caso risulta come biomassa e di conseguenza manca tutta la parte relativa all’uso umano della sostanza e quindi tutti i controlli necessari per accertarne la qualità organolettica.

Delle 70+ sementi presenti nella lista certificata UE, solo un decina si prestano – discretamente – per l’uso floreale. Infatti bisogna fare una distinzione fra varietà Monoiche e Dioiche.

Piante di Cannabis Monoiche

Le varietà Monoiche si presetano bene per la produzione di sementi, olio e alimenti.

La particolarità di queste varietà risiede nel fatto che ogni singola pianta mostra nel momento di maturazione sessuale, ambidue i sessi, di conseguenza non appena il pollie maschile sarà maturo, così come i fiori femminili, questa si autoimpollinerà e potrà quindi produrre i semi necessari per riprodursi.

Piante di Cannabis Dioiche

Le varietà Dioiche invece sono largamente utilizzate per la produzione di biomassa, legname e fiori o olio di CBD.

Questo perché a differenza della genetiche Monoiche, quelle dioiche sviluppano solamente uno dei due sessi, tranne rari casi di ermafroditismo.

Tuttavia nel mercato italiano è possibile trovare rivenditori di Talee o sementi non presenti all’intero della lista UE.

Questo perché in alcuni paesi extra-UE e UE è possibile coltivare genetiche di cannabis light purché siano <1% di THC e non necessariamente iscritte alla lista sopracitata.

La Cannabis Light è psicotorpa?

Quando una pianta di Cannabis di sesso femminile raggiunge il periodo di maturazione, questa sviluppa sui suoi fiori tutta una serie di Terpenti, Acidi e Principi attivi che vanno a comporre il fitocomplesso della pianta.

Le varietà ad alto contenuto di THC necessitano di maggiori attenzioni nel periodo di maturazione, in modo da poter massimizzare il contenuto dell’Acido o Molecola di THC e proteggerle dall’ossidazione o degradazione, che potrebbe trasformarli in CBN o altri cannabinoidi.

Le varietà ad alto contenuto di CBD invece tendono a sviluppare un altissimo contenuto di cannabidinolo, andando ad invertire il ratio di distribuzione dei vari principi attivi.

In commercio infatti è possibile trovare genetiche < 0.5% THC con contenuti di CBD >20%. Qui il ratio sfiora 1:30.

Ovviamente non è possibile raggiungere ratio del genere con le genetiche iscritte alla Lista UE.

Diverse testate scientifiche e studi, dichiarano che 0.5% è il limite oltre il quale il THC è psicoattivo.

Talee, Semi e Piante Femminizate

In commercio è possibile trovare tutta una serie di aziende che vendono talee, semi e addirittura piante di cannabis light.

Nel caso delle talee, ovviamente avranno il medesimo profilo genetico della Madre dalla quale sono state tagliate, riprenderà quindi anche il sesso, il ratio THC:CBD ecc.

I semi in commercio invece sono frutto di ibridazioni effettuate in laboratori, e tramite un processo di breeding che può durare anche decenni, nascono nuove genetiche stabili che ripercorrono i profili genetici della mamma e del padre. Si parla di selezionare i vari fenotipi, fin quando non si accertano determinate caratteristiche organolettiche, olfattive e di resa.

Le piante femminizzate che trovi in fiera non sono nient’altro che delle talee o semi in vegetativa che vengono vendute a peso d’oro.

Posso Coltivare la Cannabis Light?

Assolutamente Si, chiunque può coltivare semi di Cannabis Light o Legale.

Nonostante nella 242/16 si parla solo ed esclusivamente di aziende agricole o comunque settore agricolo, con le giuste accortezze è possibile poter coltivare la propria pianta di canapa legale.

È necessario essere in possesso di tutta la documentazione realtiva ai semi o alla pianta acquistata.

Presta la giusta attenzione al luogo dove lascerai la pianta, ti ricordo che siamo in Italia e che le piante di Cannabis Light sono identiche alle piante di Cannabis con THC, dato che sono praticamente la STESSA PIANTA.

Avviare una Coltivazione di Cannabis Legale

Se invece vuoi avviare la tua Azienda di produzione e commercializzazione di Cannabis light devi sapere che:

  • Per coltivare è necessaria una Partita IVA agricola
  • Potrebbero esservi dei controlli da parte delle forze dell’ordine durante e dopo il periodo di vita delle piante
  • La legge 242/16 prevede solo l’utilizzo di genetiche iscritte alla Lista UE (anche se alla fine non è così)
  • Per commercializzare il fiore è necessaria una società per imbustare e distribuire il prodotto, e ovviamente fatturare le varie vendite ( parla con un commercialista )
  • È necessario un avvocato che conosce bene il tema, non si sa mai
  • Puoi coltivare in un pezzo di terra, una serra o uno stabile industriale

Continua la Lettura

Curiosità

Mangiare Cannabis vs Fumarla: benefici ed effetti indesiderati

Published

in

L’uso di marijuana è universalmente associato al modo di consumarla più tipico, cioè attraverso l’inalazione di quelli che i nostri genitori chiamano – non senza una punta di imbarazzo – spinelli.

Solitamente, pensare al mangiare marijuana porta alla mente quei terribili lecca-lecca che si vedevano tanto in giro e agli indefiniti – quasi mitizzati – brownies della televisione americana. In realtà, il mondo dei cannabis edibles è vastissimo, poiché l’effetto che produce è completamente diverso da quello che si ha, appunto, dallo spinello.

Quali sono le differenze tra uno snack psicoattivo e l’old fashioned spinello

Ingerire la marijuana anziché inalarla rende l’effetto psicoattivo più forte e duraturo nel tempo: il TCH – noto principio attivo della cannabis – viene metabolizzato dal fegato e convertito in 11-OH-THC, un legame molecolare che produce un maggiore effetto psicotropo.

Il passare attraverso l’apparato digerente e il fegato – per poi finire direttamente su, nel cervello – sottopone la marijuana a tutto un altro processo metabolico, perciò gli effetti sul corpo sono totalmente diversi.

Piccola nota: l’effetto della marijuana mangiata può non arrivare subito, solitamente ci mette dai trenta minuti alle due ore per attivarsi – ma una volta iniziato l’effetto, può durare anche otto ore. L’effetto della cannabis inalata – oppure vaporizzata – invece arriva già nei primi dieci minuti, e dura solitamente meno di un ora.

La dose media di THC consigliata nel cibo è 10 milligrammi. Esagerare di certo non provoca la morte ma, probabilmente, vi farà passare una terribile giornata.

Mangiare la Marijuana come alternativa più salutare e sostenibile?

Fumare – e non solo i pacchetti interi di sigarette – di certo non fa bene alla salute, anzi. Neanche la vaporizzazione è un’alternativa valida, dato che non riduce drasticamente i pericoli né le dannose conseguenze del fumo. Mangiare, invece, può essere un metodo valido per poter smettere di fumare.

Ovviamente, quando parliamo di mangiare la marijuana non ci riferiamo solo ai brownies stereotipati delle confraternite americane, ma ad un intero universo culinario: il metodo migliore per cucinarla è scioglierla nell’olio oppure nel burro – di sicuro le ricette non mancano.

Continua la Lettura

Curiosità

In che modo la Cannabis influenza i nostri Sogni

Published

in

Lo sa bene ogni consumatore di cannabis – specialmente chi non ne fa uso quotidianamente: fumare prima di andare a dormire altera il sonno.

Molti studi hanno evidenziato uno stretto legame tra la cannabis e il ritmo sonno/veglia: è evidente che siano collegati – anche solo stando alla nostra semplice esperienza diretta.

La Cannabis altera i sogni durante le “pause di tolleranza”

La “Tollerance Break” è quel periodo di tempo – che può variare da una settimana a qualche mesetto – in cui un consumatore quotidiano di cannabis decide di smettere per un po’. Questa scelta può essere dettata da molte ragioni, ma soprattutto dal fatto che “disintossicarsi” può aumentare, una volta che si ricomincia, l’effetto psicotropo.

Molte ricerche hanno correlato il consumo di cannabis alla diminuzione dell’intensità – e della durata – della fase REM (per chi non lo sapesse, il sonno è costituito dall’alternarsi di fasi di sonno profondo e fasi REM, che possono durare anche pochi minuti, durante le quali sogniamo).

Ciò lascerebbe supporre che l’astinenza da cannabis può innescare un “REM rebound”, cioè un improvviso aumento del sonno e della durata della fase REM, quindi sogni più lunghi e intensi. L’effetto contrario, invece, molti lo hanno sperimentato una volta tornati a fumare dopo la pausa di tolleranza: il consumo di cannabis è quindi associato alla diminuzione della fase REM.

Smettere di fumare cannabis aiuterebbe a diminuire gli incubi

Molte (e ancora poco conosciute) sono le cause degli incubi, dalla semplice ansia alla sindrome da stress post-traumatico. Ma la Cannabis, con il suo effetto inibitore sui sogni, può aiutare a combattere i brutti sogni.

Che gli incubi siano o meno il tuo problema – ma anche se soffri di semplice insonnia – la cannabis può rivelarsi il tuo migliore alleato: è noto che fumare fa venire sonnolenza, accelera l’insorgenza del sonno e contribuisce a risolvere i problemi di respirazione mentre si dorme.

Qual è la correlazione tra uso di Cannabis, sogni e il nostro comportamento?

Abbiamo già detto che l’uso di cannabis sopprime la durata e l’intensità della fase REM, quindi influisce direttamente sui nostri sogni. Ma questo ha delle conseguenze anche sui nostri comportamenti?

In realtà, studi e ricerche hanno confermato che anche con il sonno REM ridotto al minimo, le conseguenze sui nostri comportamenti quotidiani sono bassissime.

Eppure, le fasi di sonno REM sono collegate alla conservazione delle informazioni e delle competenze, quindi una drastica diminuzione del sonno REM potrebbe portare ad alcuni disturbi cognitivi, soprattutto nei giovani cervelli in crescita – ma è ancora tutto da studiare.

Una cosa, però, è certa: la Cannabis può avere delle fantastiche proprietà curative per coloro che soffrono di disturbi del sonno profondo – a costo di perdere un po’ di tempo REM.

Continua la Lettura

Seguici

Trending

Iscriviti
Telegram