Connettiti con la Community

Attualità

Il più Grande Investimento privato per la Ricerca sulla Cannabis

Published

in

9 Milioni di Dollari Ricerca sulla Cannabis al MIT

Il merito di ciò va a Charles R. Broderick, fondatore di Uji Capital LLC, un fondo d’investimento – che si occupa dei mercati dei capitali azionari globali – per erogare l’intero importo.

Un grande investimento per finanziarie nuove ricerche indipendenti                   

La donazione consentirà agli esperti di neuroscienza e biomedicina del MIT e della Harvard Medical School (HMS) di condurre ricerche specifiche sui cannabinoidi. Gli studi serviranno a comprendere meglio gli effetti sul cervello e sul comportamento umano, a catalizzare i trattamenti e stilare delle linee guida: tutto questo per favorire nuove politiche sociali e la regolamentazione della cannabis.

“Il nostro desiderio è di riempire il vuoto di ricerca che esiste attualmente nella scienza della Cannabis”

Queste le parole di Broderick – già un investitore precoce nel mercato della marijuana medica in Canada.

Nonostante il legame dell’investitore con entrambe le strutture accademiche, sia il MIT che Harvard hanno affermato che Broderick non avrà voce in capitolo nel processo finale; inoltre, tutte le ricerche saranno rese pubbliche, indipendentemente dai risultati.

Il suo investimento prevede 4,5 milioni di dollari da destinare all’HMS, distruibuiti tra i dipartimenti di neurobiologia, immunologia, psichiatria e neurologia, sfruttando la conoscenza combinata di circa 30 esperti sia interni che di istituti affiliati – includendo anche gli ospedali.

Il team di Harvard progetta di costruire una migliore comprensione dei cannabinoidi. Inoltre, si concentrerà sullo studio della biologia di base del sistema cannabinoide, approfondendo in quali casi e come essi influenzino la comunicazione cellula-cellula nel cervello. Da tenere a mente che i cannabinoidi attivano una varietà di recettori cerebrali che hanno sul nostro corpo effetti biologici incredibilmente complessi – che variano per età, sesso e sono influenzati dalle condizioni fisiologiche e dalla salute generale di una persona.


L’Università Harvard è un’università privata statunitense situata a Cambridge, nel Massachusetts, nell’area metropolitana della città di Boston

Al MIT verranno donati 4,5 milioni di dollari in tre anni per sostenere la ricerca indipendente di quattro scienziati

John Gabrieli, Professore di Scienze e Tecnologie della Salute, di Scienze Cerebrali e Cognitive e membro del McGovern Institute for Brain Research del MIT, analizzerà la relazione tra Cannabis e schizofrenia, integrando anche campi come il cognitivismo ed il comportamentismo, grazie ai quali potrà essere meglio monitorato qualsiasi potenziale valore terapeutico – soprattutto per i disturbi dello spettro autistico.

Myriam Heiman, neuroscienziato molecolare nonché professore associato di Neuroscienze al Picower Institute, analizzerà come l’esposizione cronica alle molecole di fitocannabinoidi THC e CBD possa alterare le traiettorie molecolari dello sviluppo di cellule implicate nella schizofrenia e se vi può essere un valore terapeutico contro la malattia di Huntington.

Ann Graybiel, professoressa del MIT Institute, ha proposto di studiare il recettore cannabinoide 1 (CB1), che media molti degli effetti dei cannabinoidi. Recentemente ha scoperto che i recettori CB1 sono strettamente collegati alla dopamina, un neurotrasmettitore che colpisce sia l’umore che la motivazione. Questi studi con relativi risultati saranno importanti per comprendere meglio gli effetti della cannabis sugli utenti occasionali, così come la sua relazione con gli stati di dipendenza e i disturbi neuropsichiatrici. 

Earl Miller, professore di Neuroscienze presso il Picower Institute, valuterà gli effetti dei cannabinoidi sia sull’attenzione che sulla memoria di lavoro. Osserverà come i ritmi cerebrali dettati dai neuroni possano essere influenzati dall’uso di cannabis, potendo far luce su varie casistiche, come ad esempio la guida, in cui il mantenimento dell’attenzione è particolarmente cruciale.


L’Istituto di tecnologia del Massachusetts (in breve, MIT)

“La mancanza di una ricerca scientifica di base permette alle persone di fare affermazioni nel vuoto che sono aneddotiche o basate su vecchie scienze”

Così ha detto al Boston Globe Broderick, e ancora:

“Per generazioni non siamo stati in grado di studiare questa cosa per vari motivi sociali, che dovrebbero finire ora, così come i divieti che stanno cadendo in tutto il mondo”.

Tale ricerca deve sempre più venirci incontro, perché il solo impegno sociale, purtroppo, oggi porta a poco e nulla. Continuo e lecito è continuare a chiedersi come mai vi siano, tra i vari Stati, delle visioni cosi differenti su questo tema. Tante sono state le giustificazioni ormai note a tutti, che non riportiamo per evitare di apparire tristemente sterili.

Quello di Broderick nasce grazie alla sua società d’investimento ma è un impegno sociale che vede al futuro

Leggere che due dei più grandi e rinomati poli di studi e di ricerca (non solo considerando i confini americani) perseverino nello studio della Cannabis facendo sempre più chiarezza, volendo assestare questa cultura sociale sballata, da speranza per il futuro.

Sapere che tutto questo sarà possibile grazie al più grande investimento privato mai registrato finora per la ricerca indipendente sulla Cannabis e che dietro a tutto ciò c’è un giovane come noi, ne damolta di più.

Attualità

Finalmente Legalizzata la Cannabis Light <0.5%

Published

in

Coltivare Cannabis Legale in Italia

Ebbene sì, dopo un anno di infiniti tira e molla nelle svariate commissioni, dopo le migliaia di commenti negativi e anche di supporto verso chi almeno ci ha provato, la fiducia ormai persa delle migliaia di persone che hanno investito, oggi 12 dicembre 2019 arriva finalmente una buona notizia per chi ha investito nel settore della Cannabis Light.

Il senatore Mantero, insieme a Francesco Mollame (M5S), Loredana De Petris e Paola Nugnes (LeU), Monica Cirinnà e Daniela Sbrollini (PD) sono riusciti nell’ardua impresa. È passato infatti uno dei 2 emendamenti che permetterebbe al settore della Light di poter respirare, finalmente.

Molti all’inizio avevano urlato al MONOPOLIO e addirittura alla truffa, non mi dimentico di voi, anche perché siete gli stessi che oggi Gioiscono. ( la coerenza la lacisate sotto al tappeto o nella stagnola)

L’emendamento nel dettaglio

Matteo Mantero e Francesco Mollame
Matteo Mantero e Francesco Mollame (5S) in commissione bilancio durante l’approvazione dell’emendamento

In attesa di analizzare il testo completo, sappiamo che l’emendamento in questione, va a modificare la 242/16 e finalmente riconosce il fiore della pianta come tale.

Viene inoltre modificato il DPR in materia di stupefacenti e viene imposto il limite dello 0.5% di THC, al di sotto del quale non si può considerare sostanza stupefacente.

“… non è un punto d’arrivo, bensì un punto di partenza…” queste le prime dichiarazioni del senatore Mantero, che con entusiasmo comunica su facebook la notizia.

Per concludere con “I canapicoltori e negozianti potranno lavorare un po’ più tranquilli”.

Sicuramente non è una vittoria eclatante – e nè è conscio lo stesso Mantero -, ma da la libertà di poter lavorare a tutto il comparto cannabico italiano.

L’emendamento, o meglio il sub-emendamento è stato inserito nella legge di bilancio che dovrà essere discussa in parlamento, tuttavia questo non è modificabile (emendabile), pertanto se dovesse passare la legge di bilancio, passerà anche l’emendamento in tutta la sua integrità.

Capodanno coi fiocchi, e con i fiori

Indipendentemente da quello che è il personale giudizio politico, va riconosciuta a Mantero la tenacia e perseveranza che tra le altre cose vorrei vedere in più soggetti politici.

Nel giro dell’ultimo anno ne avrà lette di tutti i colori sul suo conto e sul suo operato, eppure è andato avanti per la sua strada, scontrandosi anche con i muri interni del 5S.

È vero che non è stata legalizzata la cannabis, però la possibilità di poter lavorare in modo libero e a testa alta per oltre 10000 persone è comunque un importante traguardo.

Sperando che il prossimo obiettivo, sia la Legalizzazione e Autoproduzione.

Continua la Lettura

Attualità

Lego vuole usare la Bioplastica di Canapa

Published

in

Impossibile non conoscere Lego: la multinazionale leader nella produzione di mattoncini da costruzione per bambini (e adulti). La conosciamo tutti perché produce – praticamente da sempre – dei meravigliosi mattoncini realizzati in una plastica resistentissima, praticamente indistruttibile che, inevitabilmente, si trasformano in scarti non biodegradabili.

L’azienda lo sa bene – soprattutto, da multinazionale quale è, dovrebbe dare il buon esempio per quanto riguarda la sostenibilità. La produzione su larga scala dei mattoncini, a lungo andare, produrrà tonnellate di plastica inquinante: non di certo facile da gestire in un mondo sommerso dalla spazzatura. Sembra però che l’azienda stia lavorando da parecchi anni per trovare un sostituto sostenibile alla plastica.

Gli alberi dei set Lego costruiti in Bioplastica

Dal 2018 Lego – che ha aderito alla Bioplastic Feedstock Alliance (Bfa), un’organizzazione che promuove l’uso responsabile delle biomasse – si è impegnato nella produzione di alcuni componenti giocattolo in un materiale diverso: la bioplastica.

Tutti i componenti “verdi”: le piantine – foglie, alberi e cespugli – sono composte da polietilene ricavato da etanolo estratto dalla canna da zucchero: un biocarburante che, in futuro, potrebbe sostituire (almeno in parte) le plastiche da idrocarburi attualmente impiegate.

Per ora si parla ancora di una copertura massima di 1-2% sulla produzione totale. L’obiettivo è molto ambizioso, ma Lego spera di riuscire a rendere sostenibile la totalità dei materiali utilizzati entro il 2030.

Perché convertire materiali organici in bioplastica è così difficile?

Per il momento Lego produce soltanto una minuscola parte dei suoi mattoncini in bioplastica: i rimanenti 50 miliardi, che vende annualmente, sono ancora prodotti in plastica tradizionale.

Il problema principale è che la ricerca sulle bioplastiche è ancora agli albori – tanto che è difficile già definire che cosa sono le bioplastiche. Non se ne sa molto, anche se certamente sono un’alternativa ecosostenibile rispetto alla plastica tradizionale.

Lego finora ha testato oltre 200 materiali diversi e, attualmente, la base organica preferita è la canna da zucchero, ma nel prossimo futuro si dicono pronti a sperimentare.

Si spera che assieme a Lego, anche altri – come CocaCola, Nestle, McDonalds e molte altre big – investano nella ricerca: l’alternativa c’è, bisogna solo applicarla su scala globale.

Se Lego considerasse la bioplastica di canapa?

Ne avevamo già parlato – siamo dei grandi sostenitori della ricerca sostenibile alleata alla produzione su scala sempre maggiore di canapa industriale – e si vocifera che anche la Lego abbia pensato alla bioplastica realizzata con la fibra della pianta di cannabis.

I maggiori problemi (per un possibile uso applicato a tutta la produzione) riscontrati finora sono: la resistenza del materiale, la sua organicità e durata nel tempo. Inoltre, usare scarti di mais, grano e canna da zucchero garantisce la stessa resa.

“non possiamo dire che ispiriamo e sviluppiamo i costruttori di domani se stiamo rovinando il pianeta”

Questo secondo Tim Guy Brooks, capo del dipartimento per la sostenibilità ambientale di LEGO: la ricerca di nuovi materiali è la priorità, così che i mattoncini LEGO possano continuare a intrattenere – senza remore e sensi di colpa – anche le generazioni future.

Continua la Lettura

Attualità

Il CBD può riabilitare l’immagine della cannabis?

Published

in

Che il mercato della cannabis sia in continua espansione è un dato difficilmente controvertibile. Vivien Azer, l’analista finanziaria di Wall Street che più da vicino segue il fenomeno, ha dichiarato infatti che, se il 2019 sarà un anno importante nello sviluppo di questo mercato, si prevede che il giro di affari negli Stati Uniti sia entro il 2030 di circa 80 miliardi di dollari; senza considerare il mercato canadese che punta a diventare decisamente più prospero dopo gli ultimi passi in materia di legalizzazione.

Premessa: distinguere il CBD dal THC

È indubbio che questa crescita passi anche e soprattutto da un rinnovamento dell’immagine e del brand della cannabis. Il fulcro di questa campagna, come spiega bene un’inchiesta di Quartz a firma Jenny Avins, è la rivalutazione del cannabidiolo, meglio conosciuto con la sigla CBD, e il suo smarcamento dal THC, terrore di grandi e piccini. Se quest’ultimo è responsabile ormai conosciuto e conclamato del tanto famigerato sballo, il CBD promette rilassamento e sollievo da stress, ansia, insonnia e addirittura dolori muscolari.

Immagine presa da https://www.skynaturalscbd.com/pages/guide-to-cbd

Per lungo tempo, però, nella narrazione ufficiale, i due principi sono sempre stati uniti sotto la comune etichetta di droga. Il vocabolario conservatore e proibizionista, si sa, è piuttosto limitato e punta a semplificare e banalizzare piuttosto che a far comprendere. E così la saldatura tra politiche repressive e stigma sociali ha portato a creare un’immagine totalmente fuorviante: il consumatore di queste sostanze è, nel migliore dei casi, un hippy perdigiorno, nel peggiore un tossico dipendente che vive alla giornata, meglio se immigrato o parte di una minoranza etnica (non a caso negli Stati Uniti la maggior parte degli arresti per questioni legate a sostanze stupefacenti è a carico di neri o ispanici).

Rebrandizzare il CBD è la soluzione?

Per questo dare un nuovo volto al CDB potrebbe aiutare la cannabis a smarcarsi dal suo pesante bagaglio storico-culturale. Per fare ciò, paradossalmente, la parola cannabis e tutto ciò che richiama quell’immaginario deve passare in secondo piano. È questo il pensiero di Paul Earle, esperto di brand e marketing che insegna alla Northwestern’s Kellogg school of marketing e che ha collaborato alla ristrutturazione di diversi brand, intervistato proprio nell’inchiesta sopracitata. il suo consiglio principale è quello di evitare riferimenti alla classica foglia stilizzata o “alla vecchia immagine del ragazzo con gli occhi di fuori”.

View this post on Instagram

Swipe! More from Kim’s CBD Baby Shower!

A post shared by Kim Kardashian Snapchat (@kimkardashiansnap) on

Un endorsment in questo senso lo ha sicuramente dato una delle influencer più note al momento: Kim Kardashian. La star da 144 milioni di follower su Instgram ha infatti deciso di scandalizzare il pubblico borghese proponendo agli invitati del suo baby shower di fine aprile un’ampia scelta di creme e oli a base di CBD. Un’iniziativa che, ovviamente, non ha mancato di suscitare polemiche e confronti. Ma, rispetto al totale oscurantismo sull’argomento degli anni passati, l’apertura di un dibattito, anche che prenda spunto da un post sui social (ma qual è del resto la funzione degli influncer?) è un segnale positivo: in questo caso bene o male, l’importante è che se ne parli.

Continua la Lettura

Seguici

Trending

Iscriviti
Telegram