Connettiti con la Community

Light

Cannabis a Domicilio: come funziona e in quali città trovarla

Published

in

Cannabis a Domicilio, Le città dove è disponibile il servizio di consegna

La Cannabis Light a domicilio arriva anche a Parma: è un servizio che permette di selezionare la varietà che si preferisce ed entro 60 minuti la consegna a casa. Sale così il numero delle città Italiane con consegna a domicilio, come già visto a Milano o Roma.

Crescono gli ettari di terreno coltivati a Cannabis in tutto il Paese, così come il numero di Grow Shop . Questo mercato in continua crescita si sta espandendo in tutta la penisola, offrendo servizi di ogni tipo, ultimo dei quali quello della “Cannabis a domicilio”, dove sono sempre più le città in cui è possibile usufruirne.

Arriva la Cannabis a Domicilio in molte Città Italiane

Il mercato della Cannabis Light continua il suo sviluppo in Italia

Come funziona la Consegna a Domicilio?

Funziona come i servizi delivery per il cibo: basterà andare sul sito web del venditore della propria città e acquistare come su un qualsiasi e-commerce. Il mercato offre una scelta molto ampia di varietà di Cannabis. L’ordine può essere fatto anche telefonicamente o c’è chi lo permette via Instagram o Facebook, fino a tarda serata; pagamenti con carta di credito o contanti alla consegna. Il tutto avviene in forma anonima, con sacchetti privi di immagini e nel totale rispetto della privacy.

Chi può acquistarla?

Naturalmente bisogna essere maggiorenni. La maggior parte delle aziende dichiarano che la fascia di età che meglio rappresenta la loro clientela è mediamente compresa fra i 35 e i 50 anni. C’è, tuttavia, un riscontro con clienti di ogni tipo o età, sia studenti che lavoratori.

Per cosa viene Venduta?

Il prodotto, come avviene nei Grow Shop o dai tabaccai, viene venduto come oggetto da collezione o come profumatore per ambienti. Il cliente può poi utilizza a suo piacimento.

In quali Città è disponibile?

Parma è l’ultima città in lista e si aggiunge a:

  • Milano
  • Dove ordinare Cannabis a Domicilio, Milano,Roma,Palermo, Reggio Calabria, ParmaTorino
  • Roma
  • Firenze
  • Prato
  • Bologna
  • Bari
  • Messina
  • Catania
  • Reggio Emilia
  • Palermo
  • Cagliari
  • Reggio Calabria

Sarà comunque possibile ricevere la Cannabis a Domicilio anche in alcune zone limitrofe, in quanto ci sono venditori che fanno consegne fuori la città.

Cannabis

Come coltivare Cannabis Legale in Serra

Published

in

Coltivare Cannabis Legale in Italia

A seguito dell’approvazione della legge 242/2016, il mercato della Cannabis Legale è praticamente esploso. Sempre più imprenditori o semplici cittadini hanno deciso di investire tempo e denaro in questo business che attualmente vale circa 40 milioni di euro. Con l’innalzamento del THC (principio attivo psicotropo) a quota 0,6 (in base ai limiti previsti dalla legge), si è dato il via alla possibilità di coltivare piante di Canapa (purché iscritte nella lista delle semeti certificate UE) limitando le responsabilità dei coltivatori.

 I fiori e derivati prodotti da piante non inserite nella tabella UE saranno classificati come droghe leggere.
Recentemente la Corte di Cassazione ha confermato il limite del THC allo 0,6% e l’uso Umano della Sostanza.

Il distributore automatico sotto casa o i negozi che vendono prodotti a base di Canapa commercializzano due diverse tipologie:

  • Fiore prodotto in territorio UE, importato in Italia, non proveniente da sementi UE
  • Fiore prodotto in Italia da sementi certificate UE

Le varietà estere nascono in nazioni UE dove possono essere coltivate piante di cannabis con una bassa percentuale di THC (come in Italia), anche se questa non è iscritta nella lista Europea. Troviamo quindi sul mercato delle ibridazioni speculari alla Cannabis per scopo ricreativo (ceppi di Haze, Kush ecc). Piante di Canapa, o meglio cannabis studiate ad-hoc per la produzione di infiorescenze resinose.

Le genetiche coltivabili in Italia invece fanno parte di una lista di ceppi genetici studiati per l’uso industriale. Il seme deve essere iscritto nella lista UE, inoltre è necessario conservare la fattura d’acquisto per un periodo non inferiore ai 12 mesi. Queste quindi non nascono come piante da fiore o hash, ma come piante dalle quali ricavare fibra, semi, biomassa etc. Alcune, come la Carmagnola Selezionata o l’Eletta Campana possono sviluppare -nelle migliori condizioni- discrete quantità di CBD ( fino al 15%).

Come Coltivare la Cannabis Legale

Gestire con successo una piantagione di Cannabis -anche se legale- non è affatto cosa semplice. Soprattutto se si è neofiti del settore agricolo o cannabico.

Se stai avviando una o più coltivazioni di canapa per produrre mangime, cordame, biomassa ecc, puoi scegliere la varietà  che meglio credi tra le dioiche e monoiche presenti nella lista. Una volta preparato il terreno, potrai procedere alla semina con i più comuni attrezzi agricoli o tecniche manuali (spaglio).

Il discorso invece cambia nel momento in cui vuoi produrre infiorescenze o comunque derivati. Per assicurarti una resa soddisfacente, e provare quantomeno a rientrare delle spese, dovrai preparare con cura un piano d’azione, e soprattutto fare tanto studio.

Se si tratta della tua prima esperienza con questa pianta, e più in generale con l’agricoltura, ti consiglio di partire da una piantagione di modeste dimensioni, 100 piante possono andare. Inizia prendendo confidenza con le varie tecniche atte ad aumentare la resa finale, provare un piano di fertilizzazione personalizzato, sperimenta e soprattutto, sbaglia!

Quanto costa Coltivare Cannabis Legale

Sfortunatamente non posso affermare con sicurezza matematica quanto ti costerà avviare un’attività del genere. Ogni singola situazione è diversa dalla altre, possiamo però fare un calcolo delle spese da sostenere, e un’azzardata stima sui possibili ricavi

Vi prego di prendere con le pinze i dati che seguiranno. Il mercato della Cannabis Legale è in continuo fermento, pertanto i ricavi/costi potrebbero variare.
Attenzione, se vuoi vendere i tuoi prodotti, dovrai essere in possesso di regolare Partita IVA con riferimento al settore Agricolo. Se hai dubbi in materia, ti consiglio di parlare con un commercialista.

Il progetto che ti presenterò di seguito è parte della mia esperienza pregressa. Insieme a degli amici ho deciso di costruire una serra di modeste dimensioni per fare esperimenti e capire quanto effettivamente vale la Cannabis Light.

La serra facente parte della seguente idea di progetto può contenere tranquillamente fino a 70 Piante regolari, suddivise su di 8 Filari, e potenzialmente può produrre fino a 15kg di fiore secco. Ma procediamo con calma.

Resta aggiornato per scoprire come Coltivare Cannabis Light in Italia.

Continua la Lettura

Seguici

Trending

Iscriviti
Telegram